Pulizia del viso per ogni tipo di pelle

La nostra pelle è costantemente sottoposta a stress: polvere, sporco, smog, make up. Se non pulita e idratata correttamente, anche attraverso una pulizia del viso professionale, la cute sarà soggetta a macchie, pori dilatati e alla formazione di brufoli, rughe e comedoni (punti neri).

La pulizia del viso professionale è uno dei trattamenti più richiesti all’interno dei centri estetici e comprende anche l’individuazione preliminare del tipo di pelle di ciascun cliente. Solo in questo modo infatti, i consulenti di bellezza potranno occuparsi in modo corretto della salute della pelle del paziente, offrendo consigli su come mantenere la cute fresca e in salute, nonché sull’applicazione dei cosmetici più adatti al tipo di pelle specifico.

Un trattamento di pulizia del viso professionale consente al volto di acquisire luminosità e morbidezza, lo aiuta ad ossigenarsi, può ritardare la comparsa di rughe ed evitare acne, comedoni e macchie. Dopo un’accurata pulizia del viso i pazienti si sentiranno più belli, con un viso più luminoso. È importante tuttavia che non venga fatta una sola volta, ma eseguita con costanza. Vediamo le caratteristiche delle diverse tipologie di pelle, e la pulizia più adatta a ciascuna.

Pulizia del viso per ogni tipo di pelle

Partiamo dal tipo più “desiderato” da tutti, la pelle normale, caratterizzata da:

  • pochi comedoni e pori di dimensione normale, non si segnalano zone più grasse o con acne
  • la cute è liscia e levigata, e la pelle non tira
  • resiste ai lavaggi, rimanendo morbida
  • può occasionalmente presentare rush cutanei ed episodi di sensibilità.

Il secondo tipo di pelle è quella secca o alipidica, caratterizzata naturalmente da una forte secchezza, soprattutto a seguito del lavaggio.

  • La trama della cute è molto sottile, con pori piccoli e poco visibili
  • rari punti neri e brufoli
  • tendente a pruriti e desquamazione
  • è una pelle poco elastica
  • spesso ha un aspetto opaco e un po’ grinzoso, con piccole rughe sottili vicino al contorno occhi e bocca
  • può essere sensibile, soggetta a piccole eruzioni cutanee e chiazze per caldo, freddo o stress.

La pelle grassa è invece una cute che presenta sostanzialmente un eccesso di sebo, localizzato più spesso nella zona T, dunque nelle aree della fronte, naso e mento.

  • Presenta comedoni in zone estese del viso
  • è soggetta alla formazione di acne.

Infine la pelle sensibile, molto delicata, richiede una cura maggiore rispetto alle altre.

  • La pelle del viso “tira”
  • è soggetta a eruzioni cutanee e macchie
  • è piuttosto ruvida al tatto.

Naturalmente è presente anche la tipologia di pelle detta mista, che evidenzia alcune caratteristiche della pelle grassa unite ad altre zone di pelle secca.

Come trattare una pelle normale

La circolazione di sangue è ottimale, dunque è una cute che richiederà meno attenzioni rispetto agli altri tipi, pur andando detersa quotidianamente, e struccata con cura ogni sera, per consentire la normale traspirazione della pelle anche durante la notte. È inoltre consigliabile eseguire una pulizia del viso esfoliante almeno una volta a settimana, con un gel specifico. Per il lavaggio quotidiano si potrà usare un latte detergente in crema.

Pulizia del viso per pelle secca

Pelle secca e pelle grassa richiedono una maggiore attenzione nella pulizia del viso professionale rispetto alle altre. La pelle secca andrà curata, in modo da impedire desquamazione e mantenerne la luminosità. L’essenziale sarà utilizzare detergenti che abbiano un buon equilibrio nel PH. Per la pelle secca potremo utilizzare prodotti a base di oli, come ad esempio l’olio di mandorla o lo stesso olio d’oliva. Via libera a articoli naturali con un ottimo INCI, per non danneggiare una pelle già particolarmente delicata. Gli oli saranno utili per ristabilire il PH e mantenere la pelle pulita e idratata, eliminando le tossine. La pulizia professionale di un viso con pelle secca non richiederà molto tempo perché solitamente sono presenti pochi brufoli o comedoni. Tuttavia è importante eseguirla con cura e concluderla con un tonico per chiudere correttamente i pori.

Pulizia del viso per la pelle grassa

La pelle grassa, caratterizzata dal suo aspetto lucido, i pori dilatati e incline ai brufoli, richiede anche una pulizia del viso dettagliata. È conveniente pulire la pelle due volte al giorno, al mattino e alla sera.

Una pulizia del viso professionale è importante, con questo tipo di pelle. Il rischio è infatti di lasciare cicatrici, per questo i professionisti utilizzano il levacomedoni, al fine di eliminare brufoli e punti neri. è composto di due estremità a forma di anello, aventi diversa grandezza. l’anello più largo si usa per la rimozione del comedone (o brufolo), l’altro per le rifiniture. Non è necessario usare molta forza.

La pelle grassa andrà poi esfoliata con cura, utilizzando materiali come ad esempio saponi all’argilla, o a base di zolfo. Anche i prodotti contenenti olio di thé sono molto utili per purificare questo tipo di pelle.

Pulizia del viso per pelli sensibili

L’importante, quando si effettua una pulizia professionale sulle pelli sensibili, è applicare prodotti non aggressivi, esfoliare con delicatezza ma in profondità e, una volta effettuata la pulizia manuale, ricordarsi di detergerla con siero e di nutrirla con una crema specifica, possibilmente a base naturale.